noleggio bus roma

contatti per noleggiare un pullman a Roma
Noleggio Bus Roma srl

Tel. (+39) 06 9291 5391

noleggiobusroma@gmail.com

"Il noleggio pullman di qualità per tour a Roma, in Italia ed Europa!"


Home > Normativa


Divieto di auricolari alla guida in Francia

obbligo vivavoce in Francia

Dal 1 luglio 2015 in Francia è stato vietato l’uso degli auricolari alla guida per una maggiore garanzia di sicurezza, infatti è stato constatato che gli auricolari impediscono all’autista di udire tutti i rumori esterni, riducendo notevolmente la sicurezza su strada, basti pensare ad un clacson non sentito, un mezzo in arrivo, o molto altro.

Tale divieto viene applicato sia ai conducenti di vetture e mezzi pesanti come pullman e camion, sia ai motociclisti che spesso utilizzano auricolari all’interno del casco, e addirittura ai ciclisti.

Già in passato era stato vietato l’utilizzo del cellulare e di altri dispositivi durante la guida, oltre che ogni manovra con il telefono come l’invio o lettura di sms e utilizzo di internet e social network su smartphone, manovre che hanno portato a troppi morti sulle strade causati appunto da queste distrazioni.


Come utilizzare il cellulare in auto o bus

Per l’utilizzo del telefono cellulare all’interno del veicolo, la normativa permette l’utilizzo di dispositivo bluetooth esclusivamente con comandi vocali per non utilizzare le mani che devono restare al volante, quindi addio alla privacy e conversazioni permesse solo in vivavoce!

L’alternativa è ovviamente non utilizzare affatto il telefono cellulare mentre si è alla guida, ed optare per una sosta ove possibile per poter parlare in tutta tranquillità e senza rischiare quindi inutili distrazioni che spesso portano ad incidenti stradali anche gravi, infatti nella nuova normativa è fatto divieto all’autista anche di truccarsi mentre si sta guidando (abitudine di molte donne), oppure mangiare un panino o rovistare nel portaoggetti, come anche ascoltare musica a volume troppo elevato, etc.

Per tutti gli evasori è prevista una multa di 135 euro oltre alla decurtazione di 3 punti dalla patente.


Il problema visto dagli autisti professionisti

L’utilizzo dei sistemi vivavoce così come previsti in Francia, provocano non pochi problemi agli autisti professionisti di pullman, bus di linea, tram e similari.

Infatti immaginiamo un autista di un pullman con 50 persone a bordo che nell’espletare il proprio servizio risponde quotidianamente a decine di chiamate di lavoro e personali e puntualmente si ritrova a condividere tutte le informazioni sensibili e non con i passeggeri, sempre ammesso che riesca a sentire il contenuto della conversazione, visto che i gruppi trasportati solitamente sono impegnati in canti, liturgie, o quant’altro durante il tragitto.

Non si discute sulla questione sicurezza, ma con una legge che fa giurisprudenza in un paese evoluto come la Francia, tale norma sembra eccessivamente restrittiva per chi lavora nel turismo.

Tra l’altro, nella nuova normativa si è pensato alla conversazione col cellulare, ma non si parla di nessun divieto di fumare durante la guida, argomento di cui si sta ancora trattando; l’unica certezza per ora è il divieto di fumare in presenza di minori! Certo è che anche le sigarette sono causa di distrazione alla guida e possono far perdere la concentrazione.

Per ora la Francia è l’unico paese in Europa ad adottare misure così restrittive circa il comportamento da tenere mentre si è alla guida, ma ci si aspetta che altri paesi europei seguiranno il loro esempio, quindi è importante restare sempre aggiornati per non incorrere in sanzioni che si possono evitare.


La normativa italiana

In Italia vige l’art. 173 comma 2 del codice della strada che recita:“E’ vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle Forze armate e dei Corpi di cui all'articolo 138, comma 11, e di polizia. E’ consentito l'uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l'uso delle mani).”

Il comma 3-bis afferma che: “Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 2 è soggetto alla sanzione amministrativa da pagamento di una somma da euro 161 a euro 646. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, qualora lo stesso soggetto compia un’ulteriore violazione nel corso di un biennio.”

Ciò significa che è obbligatorio l’uso di auricolare o vivavoce.

Quindi, in definitiva se vi recate in Francia, occorre prestare attenzione nel rispondere al telefono durante la guida, sia che siate autisti professionisti, che privati che si recano oltralpe per turismo o lavoro.